Pedrini & Benedetti ufficio brevetti

CONSULENZA

Oltre alla materia dei Brevetti, dei Marchi e del Design, specificamente trattata nelle sezioni apposite, il nostro Studio si occupa di ogni altro istituto ed aspetto del diritto industriale in Italia ed all'estero, con una rete di corrispondenti che copre tutto il Pianeta, se del caso avvalendosi, con il benestare del Cliente, della competenza di altri specialisti.

In particolare ci occupiamo di:

Consulenza legale

Il nostro approccio è improntato al maggior coinvolgimento e responsabilizzazione possibili del Cliente nell'esame del caso di specie che ci viene sottoposto, quanto a relativa analisi ed inquadramento nelle fattispecie giuridiche rilevanti, sino alla sintesi che conduce alle determinazioni strategiche ed attuative.

A titolo esemplificativo

In materia di Proprietà Industriale non contenziosa, conduciamo usualmente una disamina delle esigenze del Cliente circa le questioni prospettateci, con un primo discrimine di approccio in funzione del se trattasi di Impresa con questioni relative al proprio ambito operativo aziendale o di Soggetto non (già) operante professionalmente nel settore di riferimento del trovato, innovazione o segno distintivo in questione;

quando trattasi di Impresa, laddove il Cliente non abbia già una conoscenza propria o adeguata degli Istituti di Proprietà Industriale e sia disponibile ad un approccio che travalichi le sue contingenti immediate esigenze, usiamo condurre un'analisi dell'Azienda sotto il profilo della collocazione innovativa nell'ambito dello specifico ramo operativo e, in relativa funzione, usiamo effettuare una illustrazione dell'approccio reputato più confacente: se in funzione protettiva dell'innovazione propria od in funzione cautelativa di non interferenza con l'innovazione altrui; politiche e strategie di ricerca di anteriorità, politiche e strategie di protezione dell'avviamento e di miglioramento della protezione per il tramite della registrazione di segni distintivi;

quando trattasi di persona fisica che approcci gli istituti della proprietà industriale in settori estranei alla propria attività professionale, la nostra prima cura, una volta illustrati per sommi capi gli istituti stessi, è porre il Cliente in guardia sul fronte della possibilità, usualmente ritenuta dal Cliente meno probabile di quanto in realtà sia, che l'oggetto materiale od immateriale prospettato quale diritto di proprietà industriale possa non presentare i requisiti previsti dalla legge per la relativa protezione; per poi passare, senza frustrare le aspettative del Cliente ma nel contempo senza esporlo ad oneri inconsulti, a valutare una strategia protettiva che possa contemperare accertamenti preliminari, ricerche di anteriorità ed una qualche forma di tutela con il budget che ci viene palesato, in coerenza con le prospettive attuative realisticamente prospettabili e con tensione a spalmare il quanto più possibile gli oneri a quando e se tali prospettive possano poi valutarsi con maggior concretezza se non addirittura maturare.

Particolare attenzione dedichiamo nel trasmettere al cliente gli strumenti cognitivi relativi ad accorgimenti e cautele in termini di fatto e di diritto per salvaguardare la riservatezza del know how e delle informazioni aziendali riservate.

In materia contenziosa attiva nostra prima cura è esaminare la valenza del titolo che ci si chiede di azionare, laddove ciò non ci risulti già per altri tramiti (per esempio per averne noi curato la procedura di relativo conseguimento); il nostro approccio è sempre prudenziale, o meglio, sempre teso a contemperare ponderazione di indicazioni e controindicazioni con le esigenze di efficacia dell'iniziativa giudiziaria, particolarmente in rapporto ad eventuali istanze cautelari che si rendano necessarie a che la tutela sia fattiva e non frustrante.

In materia contenziosa passiva nostra prima cura è la valutazione del titolo che ci viene opposto e l'effettivo interesse del Cliente ad intraprendere un'azione di resistenza, piuttosto che addivenire ad un accordo, ponendo sul piatto della bilancia anche gli oneri non economici di un contenzioso in termini di distrazione dall'attività produttiva, fastidi per gli incombenti del giudizio, protrazione nel tempo del tutto; laddove un accomodamento non si prospetti possibile.

torna all'inizio torna all'inizio